‘Spillover’ di David Quammen

spillover

Titolo: Spillover
Titolo originale:
Spillover. Animal infection and the Next Human Pandemic
Autore: David Quammen
Traduttore: Luigi Civalleri
Editore: Adelphi
Prezzo:   € 29 euro
Data di uscita: 27 giugno 2006
Genere: Saggio
Pagine: 608 pp.

Mentre scrivo il primo medico italiano infettato dal virus dell’ebola in Sierra Leone è appena arrivato all’Ospedale  Spallanzani di Roma. Esiste del personale specializzato e addestrato pronto a prendersi cura del paziente. Nulla di cui preoccuparsi, dunque, non è il caso di farsi prendere dal panico e di non accettare dei bimbi a scuola, come è successo a Fiumicino poche settimane fa, solo perché rientravano da un viaggio in Africa. Il contagio, le zone a rischio sono controllate e limitate. L’unica cosa che dovremmo fare realmente è informarci, perché la lettura e la conoscenza, in questo caso, sono il miglior antidoto al panico da ebola. Spillover, meraviglioso saggio che indaga sull’origine e il futuro delle epidemie, dovrebbero distribuirlo come vaccino per creare anticorpi contro il virus dell’ignoranza e della paura che ne consegue.

Letteralmente spillover significa “tracimazione”. Nel potentissimo libro dello scrittore scientifico David Quammen il termine indica il passaggio di un patogeno  da una specie ospite a un’altra. Così avviene la zoonosi: il manifestarsi di una malattia infettiva nell’uomo per trasmissione da un virus latente in un’altra specie animale. Quammen ci spiega che l’ebola, la legionella, la peste bubbonica, la poliomelite, l’antrace, la malaria, l’AIDS sono appunto zoonosi; ne traccia l’origine dei primi focolai e ripercorre gli studi scientifici che hanno portato a debellare alcune infezioni o se non altro a controllarle. Quammen ci racconta chi sono i cacciatori di virus, tutti quei medici che negli anni hanno dedicato la loro vita a studiare questi terribili virus nel tentativo di trovare vaccini, mettendo a repentaglio la loro salute in nome del progresso scientifico.
Il risultato è un saggio scritto con grande intensità, forza e capacità narrativa tanto da appassionarci come un romanzo, perché il vero protagonista è l’uomo con il suo senso di precarietà in un mondo di cui fanno parte in modo naturale milioni di patogeni, molti dei quali a noi sconosciuti, nascosti ovunque: nell’erba, in un’ apparentemente innocua zanzara, nei pipistrelli della frutta, nell’acqua contaminata che scorre nelle tubature di molti hotel e normalissime abitazioni.
Spillover  è un saggio avvincente e affascinante, uno dei più bei libri che abbia letto quest’anno; ci ricorda semplicemente che studiare e conoscere ci può aiutare a diventare esseri umani migliori, che è inutile rimanere in balìa sei sentimenti come la paura, perché esiste un solo modo per contrastarla ed è conoscere ciò che ci minaccia, sapere quali precauzioni prendere, nei limiti del possibile; solo così saremo in grado di combattere le prossime pandemie, perché come ci avverte David Quammen: «Siamo davvero una specie animale, legata in modo indissolubile alle altre, nelle nostre origini, nella nostra evoluzione, in salute e in malattia».

Spillover fa luce su un aspetto fondamentale: l’abuso di risorse naturali, lo sfruttamento e l’intervento massiccio dell’uomo sulla natura fino a modificarne i ritmi – a sconvolgerne l’intero sistema – è solo un atto violento, arrogante e controproducente: «Come fanno questi patogeni a compiere il  salto dagli animali agli uomini e perché sembra che ciò avvenga con maggiore frequenza negli ultimi tempi?… Da un lato la devastazione ambientale causata dalla pressione della nostra specie sta creando nuove occasioni di contatto con i patogeni, e dall’altro la nostra tecnologia e i nostri modelli sociali contribuiscono a diffonderli in modo ancora più rapido e generalizzato».
L’uomo dunque è il primo colpevole, il vero responsabile morale di ogni attuale e prossima epidemia. Cosa dobbiamo aspettarci da l futuro, come prepararci?
Spillover è un viaggio avventuroso, spietato e avvincente nel cuore di tenebra del nostro futuro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in saggio e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...